Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Carne poca, ma buona

Tema trattato: Eventi


10/12/2012 - Il 13 dicembre a Carrù (CN) sarà il giorno clou della ultracentenaria Fiera del Bue Grasso. Cade sempre il secondo giovedì, andando a ritroso, a partire dal Natale

Consigliamo di vivere questa giornata in prima persona, recandosi sul posto molto presto, per assistere almeno alla premiazione dei buoi che sfileranno con le loro gualdrappe. Non è soltanto un momento in cui competono i diversi allevatori, nemmeno una semplice fiera agricola in cui fare acquisti. L’appuntamento è un’occasione per vivere i riti e ritmi di una campagna che d’inverno rallenta, moltiplica le occasioni conviviali, permette di riflettere sull’agricoltura e su ciò che mangiamo. A Carrù, sotto il mercato coperto si appoggia il tucau, un tipico bastone, per saggiare la consistenza delle natiche degli animali (che arrivano a 1200 kg!) e quindi delle carni. Si fanno previsioni sui vincitori e si aspetta di festeggiare dalle 10, quando i ristoranti sono già pieni di gente e del fumo dei carrelli dei bolliti. È divertente, anche se i concorrenti la prendono molto sul serio, ma se si domanda come sono stati allevati gli animali in lizza si comprende quali sacrifici comportino e come lo si faccia per perpetrare un atto agricolo antico, per sincero orgoglio. I metodi di allevamento che si utilizzano sono tra i più lenti, sostenibili e rappresentano ancora una chiave per migliorare la compatibilità ecologica di consumo e produzione di carne, i quali andrebbero profondamente rivisti.


Meno carne, meglio remunerata, più buona e più sostenibile: il bue grasso suggerisce queste regole, che trovano celebrazione nel piatto della festa, il bollito misto piemontese. È necessario cuocere, usando tre pentole diverse, la scaramella (bianco costato), il muscolo (fesone di spalla o tenerone), la coda, la lingua di manzo e la testina (le cartilagini della guancia), a cui si aggiungono una mezza gallina o cappone e un cotechino. Il procedimento è lungo ma ci insegna le virtù della lentezza, e anche quanto sia importante consumare tutte le parti degli animali, senza sprechi. Un buon bollito, o un’altra ricetta regionale presa da tutta la teoria dei lessi per i mesi freddi, ci dice che forse la carne non dovrebbe essere un cibo da consumare tutti i giorni, ma quello scelto con cura per poche occasioni: non solo una questione di potersela permettere o no, ma che riguarda l’ambiente e la nostra salute.


Di Carlo Bogliotti - La Stampa 8/12/12


Foto: eventi.langhe.net

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

22/07/2014 | Pensa globale e mangia locale non è solo uno slogan che ci piace ribadire, ma siamo convinti dei...

21/07/2014 | Foodtank, un'associazione che si batte per la difesa del cibo sano, sostenibile ed equamente...

18/07/2014 | Le nostre Condotte questo sloweekend ne hanno per tutti i gusti: a partire dal mare, per chi in...

16/07/2014 | Nella regione di Somali, in Etiopia, dal 26 Maggio di quest’anno, feroci persecuzioni nelle città...

16/07/2014 | Con riferimento alla lettera inviata in data odierna dalla Task Force per un’Italia libera da Ogm...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell