Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Slow Food con 276 organizzazioni per chiedere una Pac più verde

Tema trattato: Unione Europea


01/03/2013 - Slow Food ritiene che l’attuale riforma abbia ignorato le richieste da parte dei cittadini per una Pac che sostenga una produzione agricola su piccola scala sostenibile, misure a tutela dell’ambiente e dell’agricoltura di sussistenza nei Paesi del Sud del mondo

Una lettera aperta rivolta a tutti i membri del Parlamento Europeo e firmata da Slow Food assieme a 276 Ong, tra cui Greenpeace e Wwf, è stata divulgata per illustrare come l’attuale riforma della Politica agricola comune (Pac) sia stata gestita da parte della Commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento Europeo (Comagri). E’ la prima volta nella storia della riforma Pac che un numero tale di organizzazioni ha unito in una sola voce le proprie istanze, dimostrando l’importanza della riforma per la società civile.


Slow Food ritiene che l’attuale riforma abbia ignorato le richieste da parte dei cittadini per una Pac che sostenga una produzione agricola su piccola scala sostenibile, misure a tutela dell’ambiente e dell’agricoltura di sussistenza nei Paesi del Sud del mondo. In gennaio il voto della Commissione agricoltura Ue ha seriamente indebolito le misure “verdi” proposte, le quali avrebbero migliorato i servizi ecologici dell’agricoltura.


Le richieste delle Ong riflettono la visione del presidente Slow Food Carlo Petrini. «Le nostre organizzazioni appoggiano il principio di fondi pubblici per i beni comuni nelle politiche agricole e di sviluppo rurale» afferma la lettera. «Ciò significa che le sovvenzioni devono essere elargite solo a quei contadini che ci restituiscono una campagna sana e viva e una produzione alimentare non dannosa per l’ambiente. I sussidi che compromettono i nostri ecosistemi, la nostra salute, il lavoro, le nazioni del Sud del mondo e il benessere animale devono essere aboliti».


La lettera mette l’accento su un potenziale danno per l’ambiente: «Secondo la visione della Commissione, i fondi continuerebbero a essere distribuiti in maniera non equa e gli aiuti sarebbero elargiti anche a favore delle pratiche agricole più inquinanti, con alcuni agricoltori addirittura pagati due volte per le stesse misure ambientali (un principio che va contro le basi dei trattati Ue). Queste posizioni sono in contrasto anche con le indicazioni espresse dalle altre Commissioni del Parlamento Europeo».


Per la prima volta, i Parlamentari europei avranno potere decisionale al Consiglio Ue per apportare modifiche importanti alla politica agricola. Slow Food auspica che questa lettera e il numero significativo di Ong firmatarie possano influenzare il voto dei Parlamentari. In marzo, il Parlamento Europeo deciderà la sua posizione definitiva nel dibattito Pac. Chiederemo a tutti i Parlamentari di cogliere questa ultima opportunità e agire efficacemente per l’interesse comune.


Clicca qui per scaricare la lettera (in inglese)


 

Pac
|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

18/04/2014 | Questo #sloweekend ci piace molto perché durerà tantissimo!!! E per augurarvi buona Pasqua e buone...

17/04/2014 | Fervono in Paraguay i preparativi per il Karú Guasú (il grande pasto, in lingua guaraní), un rito...

17/04/2014 | «Siamo di fronte a una svolta epocale: per la prima volta il Parlamento europeo approva una legge...

16/04/2014 | Lo so, con i 5 miglior ristoranti, i dieci motivi per cui, le 7 birre migliori forse stiamo...

15/04/2014 | Teniamo alta l’attenzione sul dibattito Ogm che come sapete ci sta particolarmente a cuore. E...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell