Slow Food
Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Convenzioni per i soci Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Aperte le iscrizioni alla Scuola italiana di potatura della vite


31/01/2013 - Tornano a Pollenzo i corsi organizzati dai Preparatori d'Uva in collaborazione con l'Unisg e Slow Food

Sono aperte le iscrizioni all’innovativo corso di potatura della vite organizzato all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN) dai Preparatori d’Uva, ideatori della Scuola Italiana di Potatura della Vite, in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Slow Food. Aperto a tutti (addetti a lavoro, studenti, appassionati del verde e di natura), il corso si articolerà in 3 giorni di lezione per un totale di 24 ore formative. I primi due giorni sono in programma il 22 e 23 febbraio, con 16 ore di corso focalizzate su teoria e pratica della potatura ramificata sulle forme di allevamento a spalliera e della tradizione presenti in Piemonte. Alla parte teorica si affiancherà quella pratica, in vigneti già potati secondo il Metodo Simonit&Sirch, con dimostrazione di potatura dei tutor, esercitazioni individuali di potatura, esame individuale. Il terzo giorno si terrà in primavera per la gestione del verde. Il costo è di 280€, di cui la metà sarà devoluto (come è avvenuto fin dal primo anno della Scuola) alla creazione di borse di studio e progetti di ricerca. Il programma dettagliato si trova sul sito www.simonitesirch.it, dove si possono anche fare le iscrizioni online. 


L’obiettivo della Scuola, in cui viene insegnato il Metodo di potatura ramificata della vite messo a punto da Simonit&Sirch ormai adottato da una settantina di primarie aziende in Italia ed Europa, è quello di dare una moderna professionalità al mestiere del potatore, perché una potatura corretta e mirata rende le piante meno suscettibili agli effetti delle malattie del legno e le rende più longeve, in grado quindi di produrre uva migliore. Il che significa per le aziende salvaguardare il proprio patrimonio viticolo, risparmiare nei costi di reimpianto dei vigneti, ridurre considerevolmente i costi in vigna con la diminuzione delle ore di potatura (dal 30 al 50%). 


Per informazioni e iscrizioni: Preparatori d’Uva, www.simonitesirch.it,  mail:  scuola@preparatoriuva.it , Tel. 0432.752417


Foto:pizzodisevo/flickr


 


 


 


 


 


 


 

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

25/07/2014 | Alle porte di agosto, i nostri #sloweekend diventano sempre più freschi: questa settimana sono...

24/07/2014 | La carne bovina inquina di più, nutre di meno, e sottrae terreni che potrebbero essere destinati ad...

23/07/2014 | Riprendiamo volentieri un intervento della professoressa Manuela Giovannetti (Professore Ordinario...

23/07/2014 | Che cosa si ordina dietro un banco di una catena di fast food? Se lo stanno chiedendo i consumatori...

22/07/2014 | Pensa globale e mangia locale non è solo uno slogan che ci piace ribadire, ma siamo convinti dei...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell