Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Dall'orto alla tavola passando per TuChef

Tema trattato: Educazione al consumo


13/06/2013 -

Vi raccontiamo oggi la storia di una bella iniziativa, magari vi vien voglia di replicare!

Due mesi fa, ottanta ragazzi della scuola romana TuChef (dove sta crescendo una bella cellula Slow) insieme ai cuochi di Terra Madre, Giorgio Baldari, Gabriella Cinelli e Gianni Bono, hanno messo le mani nella terra e hanno cominciato a piantare pomodori, zucchine, peperoni, insalata e poi cipolle, porri, cetrioli, finocchi, melanzane, fagioli e fagiolini, cavoli rapa, patate e 30 varietà di erbe aromatiche, dal basilico cannella, all'erba pepe, alla pimpinella. Tutti accoppiati in modo sinergico e coltivati secondo metodo biologico. Anche perché lo spazio messo a disposizione è all'interno della Città dell'Altra Economia. 

Ortaggi ed erbe aromatiche saranno utilizzati per show cooking e lezioni di cucina all'aperto. «Vogliamo riscoprire il legame con la terra e con tutto ciò che è buono, pulito e giusto - spiega Marco Mezzaroma, ex studente della scuola TuChef e socio Slow Food, che coordina il progetto - e poi, proprio perché siamo cuochi, è nostro dovere conoscere i prodotti con cui lavoriamo, educare e comunicare la nostra sapienza in tema di alimentazione». L'orto diventa così da luogo di coltura a luogo di cultura e socialità.

«Per il futuro - aggiunge Marco - non ci poniamo limiti: vorremmo replicare questa esperienza in altre zone di Roma e allargarci a macchia d’olio in tutto il Lazio. Ci piacerebbe stimolare, con il nostro esempio, anche i cuochi dell’Alleanza che hanno a disposizione un piccolo appezzamento di terra presso le proprie osterie a creare dei mini-orti dei cuochi. Ci piacerebbe poi coltivare qualche Presidio Slow Food quanto prima. Vorremmo essere un punto di riferimento e un esempio».
E allora sempre con questo spirito, due settimane fa, i ragazzi dell'Orto dei cuochi hanno indetto un concorso per scegliere un logo rappresentativo del progetto. Insieme a Marta Patriarca, responsabile del Mercato della Terra di Slow Food Ciampino, hanno contattato l'Albafor, l'istituto superiore Orientamento e Ricercadi di Albano, che ha partecipato con 11 lavori, votati a colpi di "mi piace" all'interno del gruppo facebook dedicato all'orto. E ora abbiamo anche un bellissimo logo!

Il prossimo appuntamento dell'Orto dei cuochi è fissato per martedì 18 giugno, per la scacchiatura e la cimatura dei pomodori e delle altre solanacee: i cuochi-ortolani racconteranno la storia del pomodoro, delle sue innumerevoli varietà e di come viene utilizzato in cucina. Avanti e rimboccatevi le maniche!

Barbara Bonomi
barbara@slowfoodroma.it 

Per info: slowfoodroma.it 

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

02/09/2014 | L’ultima volta che si parlò del costo ecologico della guerra fu durante quella del Golfo quando lo...

01/09/2014 | Quante volte davanti al banco del bio al mercato ci siamo fermati a chiederci «Sarà vero?». Bene,...

29/08/2014 | Scandicci - Sabato 30 e domenica 31 agostoTappa a Scandicci per Slow Folk al Parco dell’Acciaiolo....

29/08/2014 | In un’estate falcidiata dal maltempo, che ha creato seri problemi a molti produttori di frutta, c’è...

28/08/2014 | “Indian version for Indian needs”. Così è descritta l’iniziativa sulla pagina Facebook che a 24 ore...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell