Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Petrolio in Campania? No, grazie


01/08/2013 - Minacciate l’economia, la salute e l’ambiente dei comuni campani

Il permesso di ricerca è arrivato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, ma sarà la Regione Campania ad avere l’ultima parola sulla possibilità per la Italmin e la Cogeid di far partire le trivellazioni alla ricerca di petrolio a poche centinaia di metri dal centro di Gesualdo, un piccolo paese in provincia di Avellino. Ma i cittadini di petrolio e trivelle non ne vogliono sapere: «La realizzazione della trivellazione è impattante», spiega Goffredo Pesiri, del Comitato Irpinia No Triv. «Le perforazioni arriverebbero a duemila metri di profondità e i lavori durerebbero almeno quaranta giorni. Verrebbe poi installate una torre da cui espellere i gas del sottosuolo, bruciati da una fiamma che illuminerebbe tutta la zona». «Il progetto – rincara la dose il geologo Alessio Valente – non è conforme ai piani che fotografano questo territorio, che ha vocazione rurale. C’è anche un problema sulla gestione delle acque che dissetano sia la Puglia che la Campania. Quanto alle emissioni, a causa delle condizioni meteoclimatiche dell’area, rischierebbero di restare qui». Così, a sentirsi minacciato non è solo chi a Gesualdo ha deciso di investire sulle produzioni tipiche e sul turismo, ma anche i giovani, che nel petrolio non vedono futuro: «Se la politica vuole decidere di trasformare queste zone nel Texas della Campania – spiega Vincenzo Nitti, del Comitato No Triv – ce lo faccia sapere: noi venderemo tutte le nostre proprietà e ce ne andremo». Ecco il video lanciato sul sito de Il Fatto quotidiano che presenta le testimonianze della popolazione.


Il comitato No trivellazioni Petrolifere in Irpinia, molto attivo nella zona, ha ricevuto il sostegno della popolazione e della Condotta Slow Food Irpinia Colline dell'Ufita e Taurasi. In un documento, scaricabile qui, si espongono chiaramente le problematiche alla base del NO: danni all’ambiente, alla salute, all’economia…


 


Fonte: Il Fatto Quotidiano


Alessia Pautasso


 


 


 


 


 


 

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

30/07/2014 | Con la nuova organizzazione della pubblica amministrazione, potrebbe sparire il Corpo Forestale...

29/07/2014 | Davide vince ancora contro Golia. Sei associazioni di apicoltori Maya e di ambientalisti sono...

28/07/2014 | Oggi dedichiamo un saluto speciale a un nostro grande amico. Antonio Tinarelli è mancato venerdì...

28/07/2014 | In queste settimane, chi legge con regolarità più di un quotidiano (La Stampa, il Corriere della...

25/07/2014 | Alle porte di agosto, i nostri #sloweekend diventano sempre più freschi: questa settimana sono...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell