Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Fao, rapporto Sofa 2009 – La produzione mondiale annua di carne raddoppierà nei prossimi quarant’anni

Tema trattato: Allevamento


01/03/2010 - Per una zootecnia più sostenibile

«Per una zootecnia più sostenibile» è il tema centrale della pubblicazione annuale Fao più importante: The State of Food and Agriculture 2009 (Sofa).

Il bestiame rappresenta il 40 per cento del valore complessivo della produzione agricola e fornisce mezzi di sussistenza e sicurezza alimentare a circa un miliardo di persone. A livello mondiale, fornisce il 15% del totale di energia alimentare e il 25% delle proteine.

Aumento dei redditi, incremento demografico e urbanizzazione sono le ragioni trainanti dell'aumento della domanda di prodotti animali nei Paesi emergenti. E le proiezioni Fao indicano che per soddisfarla, la produzione mondiale annua di carne raddoppierà per il 2050, passando dagli attuali 228 milioni di tonnellate a 463 milioni, con la popolazione bovina che si stima aumenterà dagli attuali 1,5 a 2,6 miliardi di capi e quella ovina e caprina da 1,7 a 2,7 miliardi di capi.

Questo aumento, che riguarderà soprattutto gli allevamenti di modello industriale, aggraverà la pressione sugli ecosistemi, attualmente già preoccupante.
Il rapporto evidenzia la necessità di rafforzare l'efficienza nell'uso delle risorse naturali del settore e ridurre l'impronta ecologica della produzione animale. «L'obiettivo è quello di assicurare che la crescita della produzione non crei un'eccessiva pressione sull’ambiente, sulla biodiversità, sul territorio, sulle risorse forestali e sulla qualità dell'acqua, e non contribuisca al riscaldamento globale». Secondo la Fao, occorrerà sviluppare nuove tecnologie per riuscire a realizzare il potenziale del settore di contribuire alla mitigazione e all'adattamento al cambiamento climatico mediante migliore capacità di monitorare, segnalare e verificare le emissioni prodotte dal settore zootecnico. «In certi casi, il suo impatto sugli ecosistemi è sproporzionato rispetto al suo peso economico» afferma nell’introduzione Jacques Diouf, direttore generale Fao.

Il Sofa 2010 sottolinea che i piccoli allevatori, i cui metodi sono di gran lunga i più sostenibili, incontrano grandi difficoltà a restare competitivi di fronte a sistemi produttivi intensivi e di vaste dimensioni. Il rapporto avverte: «Un divario sempre più ampio sta emergendo tra coloro che possono profittare di questa accresciuta domanda di prodotti animali e coloro che ne sono tagliati fuori. [...] I governi devono anche riconoscere e proteggere la funzione di rete di sicurezza che svolge la zootecnica per i più poveri [...] perchè svariati milioni di abitanti delle zone rurali praticano l’allevamento con metodi di produzione tradizionale per assicurare i mezzi di sussistenza e la sicurezza alimentare».

Luca Bernardini
l.bernardini@slowfood.it

Fonte:
Fao.org

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

28/07/2014 | Oggi dedichiamo un saluto speciale a un nostro grande amico. Antonio Tinarelli è mancato venerdì...

25/07/2014 | Alle porte di agosto, i nostri #sloweekend diventano sempre più freschi: questa settimana sono...

25/07/2014 | Pubbichiamo la lettera di Marcello Biuatti (professore ordinario di genetica presso l'Università di...

24/07/2014 | La carne bovina inquina di più, nutre di meno, e sottrae terreni che potrebbero essere destinati ad...

24/07/2014 | Porte aperte nel nostro Slow Shop! Per le meritatissime vacanze che ormai si avvicinano abbiamo...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell