Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Fast food: la svolta salutista non è mai avvenuta

Tema trattato: Fast Food


16/11/2012 - Nei menu sempre troppe calorie e troppi zuccheri

Nei fast food i miglioramenti sono solo apparenti, la realtà è sempre la stessa: troppe calorie e zuccheri. Il numero di pietanze offerte è raddoppiato, quello dei piatti più sani è cresciuto, l'attenzione di media e legislatori, è sempre alta, eppure nelle grandi catene di fast food americani negli ultimi 14 anni non è cambiato quasi nulla, dal punto di vista delle calorie. Anzi, insieme a cibi leggermente meno dannosi sono arrivate nuove bevande zuccherate e dolci, a riprova del fatto che i cambiamenti sono stati per lo più di facciata.


È disastroso il bilancio che ha tracciato Katherine Bauer, del dipartimento di salute pubblica alla Temple University di Philadelphia, sulle grandi catene di cibo pronto, perché mette in luce quanta ipocrisia ci sia in certe scelte evidentemente commerciali, e quanto sia ancora lunga la strada verso menu più accettabili.


La Bauer ha effettuato un'analisi sistematica dell'offerta di otto grandi marchi: McDonald's, Burger King, Wendy's, Taco Bell, KFC, Arby's, Jack in the Box, Dairy Queen, i cui dati sono presenti nel database dalla University of Minnesota Nutrition Coordinating Centre's Food and Nutrient fino dal 1997. La ricercatrice ha così verificato che il numero delle proposte è aumentato del 53%, passando da 679 a 1.036 piatti diversi. Sono cresciute molto le insalate da 11 a 51, ma anche i tè freddi, assenti nel 1997 e oggi presenti in 35 varianti.


Per quanto riguarda le calorie è leggermente diminuito il numero di quelle assunte con i contorni, scese in media da 264 a 219 (probabilmente a causa di modeste riduzioni della quantità per esempio di patatine fritte, o delle dimensioni della porzione media). Sono aumentati i condimenti ipercalorici e i dessert: questo spiega perché, a parità di calorie medie per porzione, e nonostante l'introduzione di insalate e carni grigliate più che fritte, il bilancio finale non evidenzi miglioramenti. Nell'ultimo anno analizzato, il 2009-2010, i piatti principali fornivano in media 453 calorie e i contorni 263, in risalita rispetto agli anni precedenti.


«Si può anche ordinare un antipasto leggero, per esempio un'insalata - spiega la Bauer sull'American Journal of Preventive Medicine - ma se questa è condita con salse piene di grassi e zuccheri e magari mischiata a carne fritta, seguita da patatine fritte e bibita zuccherata il risultato finale è comunque pessimo».


La necessità di migliorare l'offerta dei fast food è stata messa in rilievo in numerosi studi e ribadita da un recente sondaggio secondo cui nel mese precedente l'80% degli intervistati aveva mangiato in uno di questi ristoranti almeno una volta e il 28% dichiarava di mangiare in un fast food da una a due volte a settimana.


Inoltre, i provvedimenti sembrano ancora più urgenti se si pensa che secondo diverse stime nei giorni feriali circa il 40% dei ragazzi americani si rivolge a questo tipo di locale per un pasto.«Non vogliamo assolutamente concludere che bisogna evitare il fast food» sottolinea la ricercatrice, conscia del fatto che posizioni troppo rigide non sono utili ma rischiano solo di innescare una reazione di indifferenza.


«Piuttosto, vorremmo consigliare a tutti di pensare a ciò che stanno ordinando, a come il piatto è stato preparato e condito, al conteggio totale delle calorie del pasto e a scegliere dopo aver riflettuto. In questo senso, aiuterebbe molto se tutti i fast food riportassero il conteggio calorico, come ha iniziato a fare McDonald's e come obbligano a fare la Pennsylvania e la città di New York. In assenza di un radicale cambiamento nell'offerta dei fast food - conclude la Bauer - possiamo cercare di intervenire sui clienti, facendo loro capire quante calorie in eccesso sono abituati ad assumere e quanto possa essere tutto sommato semplice ridurle».


Agnese Codignola – Via: ilfattolaimentare.it

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

25/07/2014 | Alle porte di agosto, i nostri #sloweekend diventano sempre più freschi: questa settimana sono...

24/07/2014 | La carne bovina inquina di più, nutre di meno, e sottrae terreni che potrebbero essere destinati ad...

23/07/2014 | Riprendiamo volentieri un intervento della professoressa Manuela Giovannetti (Professore Ordinario...

23/07/2014 | Che cosa si ordina dietro un banco di una catena di fast food? Se lo stanno chiedendo i consumatori...

22/07/2014 | Pensa globale e mangia locale non è solo uno slogan che ci piace ribadire, ma siamo convinti dei...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell