Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Un saluto a un caro amico


21/03/2013 - Delicato, ironico, intelligente. Lo ricordiamo così...

Gigi Frassanito è arrivato a Slow Food dal Master in Scienze Gastronomiche di Colorno e ha preso in mano un progetto nuovo, o meglio, un’idea: i Mercati della Terra. Era una di quelle tipiche fasi confuse in cui tutti propongono qualcosa, ma nessuno ha le idee chiare su come impostare il lavoro; e poi non ci sono soldi e bisogna inventarsi il modo di far avanzare le cose con niente… Ma non si è scoraggiato.


Ha fatto tutto quel che c’era da fare: ha riunito esperti di ogni settore, ha discusso fino all’ultimo dettaglio ogni disciplinare, ha visitato i produttori dei Mercati della Terra in Italia e poi in giro per il mondo, dialogando e mediando con i libanesi (per i Mercati della Terra di Beirut e Tripoli), gli israeliani (Tel Aviv), i lettoni (Riga), gli austriaci (Parndorf), i bulgari (Tcherny Vit), i portoricani…


Da ogni viaggio è tornato con un’idea nuova, per migliorare un po’ il progetto, aggiungere un pezzo mancante, correggere qualche errore, modificare una regola troppo rigida. Perché era capace di vedere e ascoltare.
In questi anni ha lavorato per far crescere Slow Food anche nella sua terra, l’Emilia-Romagna.
Nell’ottobre scorso stava poco bene, già da tempo, ma ha deciso di venire comunque a Torino. E di nuovo, ha fatto tutto quel che c’era da fare.


Dopo il Salone del Gusto e Terra Madre, ci ha mandato un’e-mail di riepilogo, perché lui era così, prendeva il lavoro sul serio e relazionava su ogni dettaglio. E da quell’e-mail viene fuori tutta la sua energia, l’ottimismo, la curiosità.


“Nell’incontro sui mercati italiani sono venute fuori molte domande ed esperienze – ci ha scritto - è stato uno di quei casi in cui la rete è visibile davvero!… Ho incontrato Gul Girlsman del mercato di Foça, in Turchia, è una donna di grande entusiasmo e buona volontà… Ho parlato con Nada Karaivanova e due fiduciari macedoni, partono da una situazione disastrosa, ma mi hanno fatto un'ottima impressione, hanno le idee molto chiare su quello che è necessario fare per avviare il mercato…. Poi c'è stato l'incontro con i sudamericani, che mi è stato estremamente utile, perché ho capito che devo riuscire a semplificare, e di molto, la comunicazione del progetto, se voglio che ne sia compreso il valore anche in questi paesi… Comunque, al di là delle situazioni specifiche, i grandi eventi hanno il vantaggio meraviglioso di mettere le persone in contatto davvero, di ricordarci che dietro ai progetti, ai siti web, ai disciplinari, ci sono delle facce e delle persone”.


E’ mancato ieri, 20 marzo, aveva 44 anni.


Noi lo ricordiamo così e ci impegniamo a portare avanti il suo progetto.


Ciao Gigi

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

18/09/2014 | Nel giorno dello storico referendum che potrebbe portare la Scozia alla secessione proviamo a...

17/09/2014 | Stare dietro la scrivania? Meglio l’aria aperta…  E su questo non ci piove. Il fatto è che pare che...

16/09/2014 | Come tutti saprete, la risposta russa alle sanzioni seguite alla crisi ucraina, è stata l’embargo...

15/09/2014 | Con l'aumento esponenziale del consumo di carne, la Cina si è gettata a capofitto nella ricerca di...

12/09/2014 | Previsioni per i lettori: da domani il tempo dovrebbe essere clemente in tutta la Penisola e allora...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell