Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

Semi: no dell'Italia al regolamento unico Ue


07/02/2014 -

La commissione agricoltura della Camera vota all’unanimità – dando dunque in modo chiaro l’ appoggio necessario –la risoluzione presentata da Susanna Cenni, parlamentare del Pd e portavoce nazionale degli Ecologisti democratici, a garanzia della sicurezza dell’agricoltura europea e il commercio internazionale dei semi senza intaccare la biodiversità e la libertà dei coltivatori di piccola scala europei di crescere e utilizzare le proprie sementi. Una posizione già preannunciata dal Presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo, Paolo de Castro, che intende rigettare, il prossimo 11 febbraio, la proposta di Regolamento della Commissione europea, già criticata pubblicamente da tante associazioni e personalità anche nelle scorse settimane. Insomma arriva chiara e decisa la posizione del nostro Paese su un provvedimento che semplifica una materia fondamentale per la nostra biodiversità ed economia, aprendo al rischio dell’ingresso degli Ogm in tutta Europa.

«È un momento cruciale, in cui, anche grazie al semestre europeo, l'Italia può far sentire più chiaramente del solito la propria voce. - commenta Cinzia Scaffidi, direttore del Centro studi Slow Food Italia -. Tutto l'assetto normativo che regola la commercializzazione delle sementi è teso a dare dignità di mercato agli ibridi commerciali dimenticandosi delle esigenze peculiari delle sementi tradizionali. Le quali non devono essere confinate ai reami - pur importanti - del libero scambio e delle dinamiche di passaggio tra generazioni, devono poter accedere al mercato con norme dedicate, senza essere obbligare ad adeguarsi alle procedure pensate per gli ibridi. Le sementi tradizionali sono un serbatoio di biodiversità per tutti e soprattutto per le aziende che producono ibridi commerciali e "nuove" varietà. Bisogna riconoscere loro il ruolo chiave che hanno per il benessere e il futuro del pianeta, e dunque il ruolo fondamentale dei tanti agricoltori-breeder che hanno che le hanno portate fino a noi. Nel XXI secolo stare fuori dal mercato significa in sostanza candidarsi all'estinzione. Siamo certi che i nostri politici non possono desiderare una cosa del genere, e le ragioni sono ecologiche, culturali, ma anche economiche».

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

18/04/2014 | Questo #sloweekend ci piace molto perché durerà tantissimo!!! E per augurarvi buona Pasqua e buone...

17/04/2014 | Fervono in Paraguay i preparativi per il Karú Guasú (il grande pasto, in lingua guaraní), un rito...

17/04/2014 | «Siamo di fronte a una svolta epocale: per la prima volta il Parlamento europeo approva una legge...

16/04/2014 | Lo so, con i 5 miglior ristoranti, i dieci motivi per cui, le 7 birre migliori forse stiamo...

15/04/2014 | Teniamo alta l’attenzione sul dibattito Ogm che come sapete ci sta particolarmente a cuore. E...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell