Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

La proprietà della terra e le regole per non impoverirla

Tema trattato: Sostiene Slow Food


06/02/2012 - L'agricoltura è questione vitale e la discussione sulla nuova Pac riguarda tutti

Nel corso della prolusione pronunciata all'inaugurazione dell'Anno Accademico dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, il Commissario UE all'Agricoltura ha espresso un concetto significativo, considerato che proviene dal massimo esponente politico dell'agricoltura europea: la proprietà privata della terra non dà il diritto a sfruttarne le risorse indiscriminatamente. Ci sono elementi come la fertilità del suolo e la biodiversità che sono un bene comune e vanno comunque preservati da chi coltiva, fermo restando il principio del legittimo guadagno. Ecco perché l'agricoltura è materia così complessa e la discussione sulla nuova Politica Agricola Comune riguarda tutti. Il Commissario Dacian Ciolo? ha anche ribadito che l'UE propone regole e stabilisce norme che però spetta agli Stati prima approvare e poi applicare. Per i pagamenti diretti, ad esempio, la proposta di abbandonare il criterio della storicità, oggetto di critiche per il rischio di penalizzare le piccole aziende agricole, è da integrare con altri criteri, definiti sulla base della specificità delle produzioni. Questo significa che sarà ciascun Paese a dover identificare le proprie specificità appunto scegliendo di sostenerle. In Italia, il recente decreto del Governo "per la concorrenza" contiene alcuni elementi che riguardano l'agricoltura, introdotti dal Ministro Catania: una presa d'atto a intervenire con urgenza in un settore in sofferenza. È importante che qualcosa si muova: Mario Catania è il quarto Ministro delle Politiche Agricole in meno di quattro anni. La sua provenienza dalla direzione del Dipartimento delle politiche europee e internazionali testimonia una conoscenza profonda della partita che si gioca a Bruxelles. Un indubbio vantaggio, in questo momento di crisi strutturale. Ma la crisi coincide, in campo agricolo, con la riscrittura delle regole che determineranno lo stato dei paesaggi rurali, la vita nelle campagne, il cibo che avremo nel piatto da qui al 2020, e questa è un'opportunità storica. 


Paola Nano


Da La Stampa - Agricoltura 5/5/12


In foto Carlo Petrini, presidente Slow Food, e Dacian Ciolos, Commissario Ue all'agricoltura all'inaugurazone dell'anno accademico dell'Unisg


www.unisg.it


 


 


 


 


 

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

31/07/2014 | Due giorni fa, a Gaza, sotto le bombe, se n’è andato Emad Asfour, delegato di Terra Madre nel...

30/07/2014 | Con la nuova organizzazione della pubblica amministrazione, potrebbe sparire il Corpo Forestale...

29/07/2014 | Davide vince ancora contro Golia. Sei associazioni di apicoltori Maya e di ambientalisti sono...

28/07/2014 | Oggi dedichiamo un saluto speciale a un nostro grande amico. Antonio Tinarelli è mancato venerdì...

28/07/2014 | In queste settimane, chi legge con regolarità più di un quotidiano (La Stampa, il Corriere della...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell